Quando le complicazioni della scarlattina si sviluppano relativamente spesso e sono caratterizzate da una grande diversità.

La loro presenza è facilitata dai seguenti fattori: la presenza di processi infiammatori cronici nella faringe (tonsillite cronica), trasferiti immediatamente prima della scarlattina o del morbillo, ecc.

Le complicanze della scarlattina si dividono in due gruppi in base al momento del loro verificarsi: precoce e tardiva. Le complicazioni del primo gruppo si verificano nel periodo iniziale di scarlattina, e il secondo - a 3-4 settimane di malattia.

La frequenza delle complicanze precoci è in gran parte determinata dalla gravità della scarlattina: sono particolarmente comuni nelle forme settiche e tossiche settiche gravi della malattia. La dipendenza delle complicazioni tardive sulla gravità della forma clinica della scarlattina è molto meno pronunciata: si verificano anche con una malattia lieve.

Inoltre, la frequenza delle complicanze della scarlattina dipende dall'età del paziente. Le complicanze più comuni si riscontrano in età precoce e precoce. Al contrario, più vecchio è il bambino, meno spesso ha complicazioni sullo sfondo della scarlattina, ma sono più diversi.

Linfoadenite cervicale e adeno-flemmone

Un moderato gonfiore dei linfonodi cervicali è un segno quasi costante di scarlattina. Tuttavia, se il processo infiammatorio nei linfonodi cervicali è pronunciato, allora tali manifestazioni sono già attribuite a complicanze. La linfoadenite cervicale di solito si sviluppa nel periodo iniziale della scarlattina (più spesso entro la fine della 1a settimana di malattia) o nel secondo periodo allergico.

Una complicazione ancora più grave dei linfonodi è l'adeno-flemmone. In questa malattia, il processo infiammatorio si estende oltre i confini dei linfonodi ai tessuti circostanti: cellulosa, pelle e muscoli. Adenoflegmon, di regola, difficilmente complica il decorso della scarlattina e si manifesta principalmente nelle forme settiche e tossiche settiche gravi della malattia. Un paziente con una tale complicazione assume un aspetto caratteristico: sotto la mascella inferiore, un ampio edema infiammatorio con contorni sfocati e stretto al tatto si forma rapidamente entro i cui limiti la pelle diventa di colore blu-viola. Il gonfiore infiammatorio può diffondersi ai tessuti del viso e della nuca. Questi fenomeni sono accompagnati da una pronunciata violazione del benessere generale, febbre alta, debolezza cardiovascolare.

In assenza o inopportunità e irregolarità del trattamento, la prognosi di questa complicanza è sfavorevole (fino al decesso incluso).

otite

L'otite, o infiammazione dell'orecchio medio, si manifesta sia nell'iniziale che nel secondo periodo allergico della scarlattina (entro la 2-3a settimana e oltre). L'otite esacerba la scarlattina

2-5% dei casi e si verifica principalmente nei bambini piccoli.
In assenza o trattamento irrazionale, l'otite media purulenta simile a scarlatto può seguire un decorso cronico e persino portare a danni permanenti all'udito.
sinusite

Sinuitis, o infiammazione dei seni paranasali, è raro e si verifica prevalentemente in forme settiche di scarlattina, nel suo periodo iniziale. Il processo infiammatorio è spesso unilaterale ed è accompagnato da secrezioni caratteristiche da una metà del naso.

polmonite

La polmonite è una complicazione tipica della scarlattina da parte del sistema respiratorio. Nella maggior parte dei casi, la polmonite si sviluppa nei bambini piccoli. In alcuni casi, la malattia procede in base al tipo di broncopolmonite.

giada

Una tipica complicazione della scarlattina da parte dei reni è la glomerulonefrite diffusa, che si sviluppa nel secondo,
il periodo allergico della malattia (più spesso durante la 3-4a settimana).

Nella maggior parte dei casi, la nefrite scarlatta complica il decorso di forme gravi di scarlattina e inizia acutamente: la temperatura corporea aumenta, le condizioni generali del paziente peggiorano, compare il disturbo del sonno, mal di testa, occasionalmente vomito, edemi rapidamente si formano, aumenta la pressione sanguigna. La quantità giornaliera di urina è ridotta, spesso assume la forma di un eccesso di carne. Alla ricerca di urina (l'analisi generale, il test di Zimnitsky) la sindrome urinaria, tipica per nefrite, è trovata. Nei giorni successivi aumentano l'edema e l'ipertensione.

In altri casi, i sintomi della nefrite appaiono più prolungati nel tempo e spesso non sono accompagnati da un disturbo speciale delle condizioni generali del paziente, un forte aumento della temperatura. A volte ci sono forme senza flusso di nefrite scarlatta, in cui non ci sono sintomi principali della malattia (edema, aumento della pressione sanguigna). Disturbi del metabolismo dell'acqua possono essere identificati semplicemente pesando il bambino. Ha significativi aumenti di peso giornalieri.

Inoltre, la nefrite che si verifica con grave ipertensione ed edema può essere complicata dall'eclampsia. A volte si sviluppa nella fase di cedimento dell'edema. In alcuni casi, l'eclampsia è preceduta da un forte aumento della pressione sanguigna, mal di testa e vomito. L'eclampsia si manifesta con un improvviso attacco di convulsioni cloniche con perdita di coscienza. Tale crisi può durare da alcuni minuti a diverse ore. In alcuni casi, una perdita temporanea della vista viene determinata dopo la fine del sequestro.

La nefrite dura in media 3-6 settimane, a volte trascinando fino a 3 mesi o più. La transizione alla giada scarlatta scarlatta è rara.

sinovite

La sinovite, o infiammazione delle articolazioni, è una complicazione rara della scarlattina. Nella maggior parte dei casi, la sinovite si sviluppa nella 1-2 settimana della malattia. Di norma, con la sinovite scarlatta, vengono gradualmente colpite diverse articolazioni, sia grandi che piccole. Un aumento della temperatura corporea del paziente è caratteristico, i dolori acuti e il gonfiore compaiono nella zona delle articolazioni colpite, mentre il colore della pelle in queste aree non cambia.

Le infiammazioni descritte, di regola, scompaiono in 2-3 giorni, ma a volte la sinovite scarlatinale viene ritardata per 2 settimane o più.

Recidiva recidiva alla gola e alla scarlattina

La tonsillite ricorrente si verifica nel secondo periodo allergico della malattia. Nella maggior parte dei casi, l'angina secondaria si verifica senza cambiamenti necrotici. Tuttavia, ci sono casi con una profonda lesione necrotica della gola, un decorso grave e lo sviluppo di successive complicanze purulente.

La ricomparsa della febbre scarlatta si manifesta con il ritorno di tutti i principali sintomi della malattia e si verifica in media nel 2-3% dei casi. L'insorgenza di recidiva scarlattina è osservata in media alla 3-4a settimana di malattia.

L'insorgenza di recidive di angina e scarlattina è principalmente associata a una violazione del regime epidemiologico, all'adesione di varie infezioni secondarie (influenza, varicella, morbillo, ecc.), All'inadeguatezza dell'immunità causata dalle caratteristiche individuali del paziente.

Nelle forme gravi di scarlattina, possono insorgere complicazioni a carico del sistema cardiovascolare (miocardite settica, endocardite raramente settica) e del sistema nervoso centrale (encefalite emorragica tossica, meningite purulenta).

diagnostica

La diagnosi di scarlattina viene principalmente effettuata sulla base del quadro clinico della malattia, tenendo conto dei dati epidemiologici. Nei casi del più semplice corso atipico della malattia, che è dubbio della diagnosi, un'indicazione di stretto contatto con un paziente con scarlattina porta al riconoscimento della natura simile alla scarlatto della malattia. Tra i metodi diagnostici di laboratorio per confermare la diagnosi in alcuni casi utilizzando un metodo batteriologico. Precedentemente per il riconoscimento della scarlattina si usavano spesso metodi ausiliari: il fenomeno dell'estinzione dell'eruzione, la reazione di Dick,

Le manifestazioni cliniche della scarlattina presentano alcune somiglianze con altre malattie accompagnate da un'eruzione cutanea e possono essere miscelate con morbillo, rosolia di morbillo, varicella, ceci, malattia da siero, allergie ai farmaci, ecc. Scarlattina
eruzioni cutanee dovrebbero essere distinti da varie forme di mal di gola, difterite o faringe.

Risultati e previsione

L'esito della malattia da scarlattina dipende da diversi fattori, principalmente sull'età del paziente e sulla forma clinica della malattia. Di conseguenza, più bassa è l'età della persona malata e più grave è il decorso della malattia, più negativa sarà la prognosi e l'esito della malattia e viceversa.

Inoltre, l'esito della malattia dipende direttamente dalla diagnosi precoce e corretta della malattia, dalle condizioni del paziente, dalla tempestività e dalla razionalità del trattamento.

La mortalità nella scarlattina è recentemente diminuita, ma ad oggi ci sono stati casi di morte, le cui cause sono principalmente polmonite associata o insufficienza cardiaca acuta.