Malattia parodontale e parodontite: la loro differenza e metodi di prevenzione

La malattia parodontale con parodontite è abbastanza frequente nelle sue manifestazioni di malattie dentali. Spesso c'è confusione tra loro, che è la colpa di nomi simili. A sua volta, al fine di prevenire questa confusione, è necessario comprendere le cause dello sviluppo e i metodi per affrontare ciascuno di questi disturbi. Proviamo a chiarire questa situazione.

La parodontite è un processo infiammatorio che colpisce la malattia parodontale. Il parodonte è un complesso di tessuti, comprese le gengive che circondano il dente e lo tengono in posizione. La parodontite è una malattia progressiva con un carattere distruttivo. Con il suo sviluppo, il processo patologico si sposta sulla struttura ossea. Le ragioni per lo sviluppo della parodontite sono microrganismi e lesioni, le seconde sono implicite non nel modo generalmente accettato, ma come anomalie e disturbi dello sviluppo, che altro si dirà.

La parodontosi, a differenza della parodontite, è una malattia sistemica di tutti gli stessi tessuti dentali circostanti, in altre parole, malattia parodontale. Quando si tratta di malattie sistemiche, non è una lesione locale di un'area specifica, ad esempio un dente, ma una diffusione su una scala molto più grande. La principale differenza della malattia parodontale è che questa malattia infiammatoria non ne ha, il che non può causare sintomi evidenti nelle fasi iniziali, il che complica la diagnosi. Si può anche notare che la malattia parodontale è una parodontite molto meno comune.

Puoi saperne di più sulle cause di entrambe le malattie. Quindi, la parodontite, come già accennato, è causata principalmente da microrganismi. I microrganismi sono coinvolti nella formazione della placca sui denti e nei successivi danni ai tessuti. La ragione traumatica spesso ha molti fattori, come una violazione del morso, un aumento del tono dei muscoli masticatori e un attaccamento improprio delle briglie in bocca. Lo sviluppo della malattia parodontale coinvolge principalmente il fattore genetico, che complica notevolmente la prevenzione, in contrasto con la parodontite.

Con i suoi sintomi, la parodontite è accompagnata da dolore e fastidio alle gengive, spesso accompagnate da sanguinamento, che complica la lavorazione meccanica o, più semplicemente, masticando il cibo. Nelle fasi successive è anche possibile la presenza di pus. Come puoi vedere, i sintomi sono basati sull'infiammazione. Come, quindi, identificare la malattia parodontale? Questo compito è molto più difficile, dal momento che il sintomo principale della malattia parodontale è l'esposizione del collo dei denti, causata dalla graduale atrofia delle gengive.

Come si può capire, la parodontite è una malattia più "semplice", motivo per cui può essere prevenuta per non arrivare al trattamento. I principi stessi sono semplici: segui l'igiene orale, visita regolarmente il dentista e segui le sue raccomandazioni. possono essere usati metodi chirurgici. Con la malattia parodontale, il medico è tanto più necessario. L'obiettivo principale del trattamento in questo caso è un insieme di misure volte a stabilizzare i processi di sviluppo nelle gengive. Per questi scopi vengono utilizzati metodi per migliorare la circolazione gengivale.

Riassumendo, si può notare che sia la parodontite che la malattia parodontale sono malattie piuttosto spiacevoli che possono portare a conseguenze piuttosto negative quando vengono ignorate, la principale delle quali è la perdita dei denti. Per evitare questo, si raccomanda vivamente un appello urgente a un dentista quando si manifestano i primi sintomi.

Svetlana, www.detadoctor.com